lunedì 16 luglio 2012

TWITTER, LEGALE SOLO IN INGLESE

Su Twitter, al momento cruciale del percorso per iscriversi, quello in cui devi accettare le condizioni e leggere la "normativa di Twitter per la privacy", si legge una frase strana.

Ecco infatti cosa si legge per prima cosa; come comincia il testo delle condizioni da accettare: 

Per aiutare le persone di lingua italiana a capire meglio i Termini del Servizio di Twitter abbiamo tradotto questo documento in italiano, ma la versione inglese é la sola che ha valore legale.

Innanzi tutto non mi piace molto quell'aiutare, che dà alla frase un tono tra la pietà e il disprezzo; (questi imbecilli di italiani che vogliono capire cosa accettano, e che non sono in grado di leggere un testo giuridico lungo e in inglese).

In secondo luogo, visto che vogliono aiutarci a comprendere, che usino bene la lingua italiana: sarebbe preferibile scrivere (dire è altra cosa): "la sola che abbia valore legale".

Ma la cosa che mi colpisce è che, mi sembra di capire, la frase sottintende che io dovrei fidarmi della loro traduzione e del fatto che abbiano tradotto tutto il testo; quando avrebbero tutto l'interesse a nascondermi o a confondermi su certi punti; in particolare appunto la privacy e l'uso commerciale dei miei dati. 

Infatti io non mi fido granché; e allora cerco la versione con "valore legale", quella in inglese. E qui casca l'asino; non la trovo. Pare che "le persone di lingua italiana" non abbiano il diritto di leggere le condizioni nella loro versione originale. Con accento siciliano, lo definirei "un aiuto che non si può rifiutare".

Ant.Mar.